Come inserire alimenti sani nei piatti dei bambini

Mi suona sempre sospetto quando qualcuno mi dice che suo figlio mangia tutto. Anche le mie mangiavano qualsiasi cosa mettessi loro davanti, dai piatti macrobiotici a quelli più speziati, tipo cucina indiana, fino ai 3-4 anni, poi, come succede ad ogni bimbo, subentrano delle fasi diverse ed anche loro hanno cominciato a sviluppare gusti propri o a sentire di cosa hanno bisogno quando si siedono a tavola. Proprio ieri sera all’ennesima richiesta di ketchup sul riso ho perso la pazienza ed ho provato l’arma del paradosso: ketchup sia, ho innaffiato mezza confezione di ketchup (super selezionato, di qualità, senza additivi e non troppo dolce) sul piatto di riso dicendo mangiane quanto ne vuoi. A quel punto mi sono sentita urlare “è troppo, non ne volevo così tanto, buhhhh” ed ho capito che la mia tattica paradossale era naufragata. Mia figlia sa quanto ketchup mangiare e quando lo vuole mangiare e solo perché lo desidera per 3 sere di fila questo non vuol dire che lo vorrà sempre e per tutta la vita. Un bambino cresciuto con una sana cucina casalinga riesce a decodificare le proprie voglie e a scegliere il tipo di eccessi che vuole concedersi ed anche se abbandona momentaneamente alcuni cibi o verdure non è mai un per sempre, piuttosto una sperimentazione associata ai cambiamenti a cui va incontro. Il problema però è che spesso i gusti dei nostri bambini sono stati modificati da cibi troppo salati o troppo zuccherati/raffinati e morbidi. Al parco sentivo un bambino chiedere alla mamma di togliergli la crosticina del pan carré bianco latte perché troppo dura. Quando si parte da questo livello è inutile cercare di raggiungere immediatamente la vetta, forse meglio attendere il primo bus navetta ed iniziare ad inserire nel cibo che già i nostri bambini mangiano degli ingredienti sani o delle verdure che altrimenti rifiuterebbero. Se vogliamo preparare dei piatti o degli snack sani e gustosi per i nostri bambini il suggerimento numero uno è quello di semplificarci la vita il più possibile ed una volta che cominciamo a sentirci più a nostro agio con i primi esperimenti possiamo liberare maggiormente la fantasia e creare nuove combinazioni.

Quando un bambino continua a mangiare tutto quello che gli viene proposto davanti spesso è per bisogno di approvazione, di sentirsi bravo nei confronti dei genitori oppure è in uno stato ancora dormiente in cui non sta ancora sperimentando attraverso gli opposti cosa desidera. Fase che prima o poi avviene per tutti. Personalmente ho cominciato a rifiutare il cibo di casa in piena adolescenza, quindi quando avevo già 16-17 anni, il mio primo passo verso la libertà o l’adultità di scegliere da sola cos’era meglio per me.

Abbiamo già trattato (cfr. articolo aprile 2011) i comportamenti che ci aiutano ad avvicinare i ragazzi alla sana alimentazione, questa volta vediamo alcuni spunti pratici per rendere più sana e “verdurosa” l’alimentazione dei nostri bambini.

Il travestimento è d’obbligo, almeno all’inizio. Inserite verdure e semi nelle vostre ricette di torte e muffin. Quelle che si prestano meglio sono gli zucchini, la batata, la patata dolce, le carote, la zucca, i semi di chia, ricchi di omega 3 ed utili per l’intestino un po’ pigro che danno alla torta un’ottima consistenza. Naturalmente per non far vedere colori insoliti si può aggiungere una bella cucchiaiata di cacao.

Budini. Si possono creare degli ottimi budini usando degli ingredienti più interessanti di amido e latte. Per esempio con 2 avocadi, 2 cucchiai di cacao, un pizzico di sale, un dolcificante liquido (sciroppo d’acero, miele d’acacia, malto), 1 tazza di acqua si crea un ottimo budino al cacao. In questo modo si fa il pieno di grassi buoni, di potassio e si sostiene la frenetica attività dei nostri bambini sempre in movimento.

Prosegui la lettura

Ultima modifica ilDomenica, 07 Agosto 2016 17:34

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

 
 
 
Color I Color II Color III Color IV Color V Color VI